La Scozia ci riprova. Indipendenza bis

La Scozia ci riprova. Indipendenza bis

Il Regno Unito sta cercando di organizzarsi per l’uscita definitiva dall’Unione Europea, cercando di ottenere le migliori condizioni possibili ma il vento dell’indipendenza ha ripreso a soffiare sull’unità del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord.

La Scozia non ha nessuna intenzione di lasciare l’Unione Europea, e pur di restare sta ripensando a dire addio alla Regina Elisabetta II, infatti, la Leader scozzese Nicola Sturgeon ha annunciato la presentazione di una Legge locale per un secondo Referendum di indipendenza dal Regno Unito.

Il primo storico Referendum sull’indipendenza scozzese si è tenuto nel 2014 e fu vinto dai “fedeli” al Regno Unito ma con la vittoria del Brexit (Ricordo che la maggioranza degli scozzesi ha votato per restare all’interno dell’Unione Europea) la voglia di dirsi addio si è fatta maggiore.

La First Minister della Scozia, Nicola Sturgeon in un’intervista rilasciata alla BBC Radio 4, come riporta il quotidiano Huffington Post Italia, ha dichiarato che: “La Scozia si trova in una situazione che non abbiamo voluto noi”.

Il responsabile di questa situazione, secondo la First Minister Nicola Sturgeon, sarebbe il Partito Conservatore e inoltre riguardo al possibile divieto a un voto bis: “Non ha senso che ci neghi la possibilità di scelta”.

Scotland's First Minister

Il Governo di Londra aveva concesso il suo assenso al promo Referendum nel 2014, vinto poi dal fronte pro-UK ma in questo particolare momento storico del Regno Unito sarà impossibile un bis del Referendum per l’indipendenza scozzese.

La posizione di Londra è sempre stata chiara, sin da subito la vittoria del Brexit. La Scozia deve rimanere all’interno del Regno Unito, nessun Referendum bis.

La preoccupazione di Londra è quella che il Caso Scozia possa scatenare una vera e propria fuga dal Regno Unito, infatti, anche nel Galles e in Irlanda del Nord la voglia di Unione Europea si sta facendo sempre più preoccupante.

Possibile che la Brexit possa sancire la fine del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*