La Sirenetta è una lettera d’amore gay!

La statua di bronzo della Sirenetta accoglie da ben 102 anni i viaggiatori che arrivano al porto di Copenaghen e a tutti loro ispirano bellezza, amore e al tempo stesso tristezza. La statua è ispirata alla protagonista della celebre favola scritta dallo scrittore danese Hans Christian Andersen (1805-1875) del 1837. Sempre seduta sopra lo scoglio in attesa del suo principe che mai giungerà.

La_Sirenetta-Statua
La Sirenetta Statua

La statua fu un dono alla città di Copenaghen da parte del famoso produttore di birra Carl Jacbsen (1842-1914) e realizzata dallo scultore Edvard Eriksen (1876-1959) che prese sua moglie come modella. Purtroppo questa statua non ha avuto vita facile, infatti, nel corso degli anni ha subito parecchi atti di vandalismo come ad esempio la decapitazione del 1964 e la sparizione avvenuta nel 2003 (Venne ritrovata più tardi in mare) e altri episodi in cui la statua fu ‘violata’ con la vernice. Diciamo che la statua della Sirenetta non ha la vita facile, forse come la stessa protagonista cui è ispirata.

La favola della Sirenetta ha ispirato molto opere teatrali, serie di cartoni animati, film e quello più famoso è senza dubbio quello della Disney nel 1989 (Sequel del 2000:  La Sirenetta II – Ritorno agli abissi e il prequel del 2008: La Sirenetta – Quando tutto ebbe inizio). Senza dimenticare la serie animata sempre targata Disney dal 1992 al 1994, trasmessa per la prima volta dalla rete televisiva americana CBS, ma gli autori della Disney modificarono il finale per il grande pubblico redendola una favola ‘Happy End’ tutto il contrario del racconto scritto da Hans Christian Andersen.

Hans_Christian_Andersen
Hans Christian Andersen

Ecco in breve la trama della storia:

In mezzo al mare viveva un sovrano con i suoi sei figli di cui la più piccola era una sirenetta. Al suo quindicesimo compleanno le fu concesso di visitare il mondo degli esseri umani da lei tanto ammirati e amati. Una volta in superficie, intravide un veliero con un bel principe a bordo che a causa di una tempesta affondò e la sirenetta lo aiutò, depositandolo sano e salvo sulla spiaggia. Anche se a malincuore si rituffò in mare, ma tornò spesso al castello del principe per osservarlo di nascosto. A quel punto decide di rivolgersi a una strega del mare per diventare un essere umano ma il tributo da pagare è alto: “Allora il tuo desiderio verrà esaudito, ma farà male come il taglio procurato da una spada, la tua vita da sirena finirà e lo devi sposare per diventare immortale. Inoltre, voglio la tua bella voce, e se lui sposerà un’altra, tu diventerai schiuma del mare” dice mentre inizia a mescolare la pozione che trasformerà la sirenetta in un essere umano.

Edvard_Collin
Edvard Collin

Bevuta la pozione, sviene in spiaggia e una volta sveglia, vede il suo amato principe che la prende con sé portandola nel suo castello per prendersi cura di quella giovane muta ma non come una moglie ma come una bambina o sorella minore. Alla fine il principe convola a giuste nozze con un’altra principessa, condannando la Sirenetta alla morte dissolvendosi in schiuma marina.

“Dove sono?” si chiese. “Con le figlie dell’aria. Anche noi dobbiamo conquistare l’amore di un mortale per diventare immortali. Adesso ti sei unita a noi, ma attraverso buone azioni lungo molti anni, otterrai la tua parte nella felicità eterna dell’umanità. E così la sirenetta fluttuerà per 300 anni prima di entrare nel regno del paradiso”.

In realtà il racconto della Sirenetta non è altro che una delle lettere d’amore più profonde mai scritte per un amore non corrisposto.

L’amore di Hans Christian Andersen nei confronti del suo caro amico Edvard Collin.

La_Sirenetta

Hans Christian Andersen si dichiarò a Edvard Collin, quando seppe che lo stesso si stava fidanzando con una giovane donna ma la sua reazione non fu quella che si attendeva lo scrittore, infatti, fu di disgusto. Da quella cocente delusione d’amore, lo scrittore Hans Christian Andersen scrisse la storia della Sirenetta che simboleggiava la sua incapacità di poter avere al proprio fianco Edvard Collin come la protagonista non poteva diventare un essere umano. Nel 1836 lo scrittore danese inviò il racconto a Edvard Collin, l’ultimo gesto romantico di un innamorato respinto.

Secondo la maggior parte degli studiosi e psicoanalisti lo scrittore danese Hans Christian Andersen era bisessuale.

La Sirenetta è una lettera d’amore gay! Una delle lettere d’amore più profonde mai scritte!

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*