Pedofilia Vaticana 35 anni al vescovo Adkins che attaccò le vittime del Pulse

Pedofilia Vaticana 35 anni al vescovo Adkins che attaccò le vittime del Pulse

Nello Stato della Florida (Stati Uniti d’America), le autorità hanno condannato a 35 anni di reclusione con l’accusa di violenza sessuale su minori il vescovo Kenneth Adkins.

La drammatica vicenda di violenza sessuale è stata denunciata da uno delle 2 vittime (Adesso 22enne) e non ricorda più il numero esatto degli “incontri sessuali” con il vescovo Kenneth Adkins.

La giovane vittima ha esibito alla Giuria delle foto ricevute dal vescovo Kenneth Adkins. In alcune di queste foto ritraevano il membro sessuale dello stesso vescovo Adkins.

Ecco quanto dichiarato dalla vittima di violenza sessuale (Tramite Gayburg): “Era la cosa più vicina ad un padre che avessi. E’ stato molto difficile distinguere il bene dal male e non volevo dire niente. Non riuscivo a credere di essere una vittima. Mi sentivo come castrato e mi sento così ancora ora”.

Un altro caso di Pedofilia Vaticana in terra statunitense ma il vescovo Kenneth Adkins era già salito agli onori della cronaca con la sua dichiarazione post-Pulse (La strage avvenuta nel locale gay Pulse in Florida) in cui sosteneva senza tanti giri di parole che le vittime di quella strage si erano meritati di morire perché gay.

Il vescovo Kenneth Adkins, durante il suo mandato pastorale in Florida ha sempre “combattuto” ogni tipo di attività o azione a favore della comunità LGBT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*