Insulti omofobi su FB di un professore di Messina a un giovane

Approvazione DDL studente scrive al Presidente Mattarella

Ennesimo episodio di omofobia in Italia, dove un professore universitario ha insultato un giovane attraverso Facebook

La denuncia dell’ultimo episodio di omofobia è stato denunciato dai gruppi Liberazione Queer+ Messina, Link e UDU. Un professore universitario della facoltà di Messina ha insultato pesantemente su Facebook un giovane ragazzo bisex che aveva pubblicato una sua riflessione sul ‘catcalling’ (si tratta della pratica di molestare le donne per strada con fischi e commenti sessisti).

Questo docente ha scritto: “Fr***o perso”“Per questo militanza è parlare dei suoi pruriti sessuali”. Arrivando anche a delle minacce, non tanto velate: “Fatelo tornare giù e vedi come lo pestano, tanto q questi piace pure”.

Leggi anche >>> Spagna, arrestate 13 persone per aggressione omofoba

Insulti e minacce che non sono state prese con il sorriso dalla vittima come suggerivano qualche giorno fa da Pio e Amedeo durante la loro trasmissione andata in onda su Canale5 ma come spiega Giuseppe Ialacqua del gruppo Liberazione Queer+: “A seguito delle frasi rivolte al ragazzo, che non frequenta l’Ateneo di Messina, ma è originario della città dello Stretto è stata presentata una formale denuncia ai carabinieri”.

Anche l’Arcigay di Messina è scesa in campo, e attraverso il suo Presidente, Rosario Duca: “Abbiamo presentato una denuncia alla polizia postale e anche una segnalazione al MIUR e al Prefetto di Messina. Quasi tutti gli Enti hanno riscontrato le nostre missive e avviato degli accertamenti”.

LEGGI ANCHE >>> DDL Zan finalmente la calendarizzazione in Senato

Immediata la condanna da parte dell’Università di Messina nei confronti del docente omofobo che attraverso il rettore Salvatore Cuzzocrea: “(…) I fatti sono già giunti all’attenzione dell’amministrazione universitaria per il tramite del Presidente dell’Arcigay, che è stato ricevuto e invitato a inviare tutta la documentazione necessaria al fine di attivare le dovute procedure disciplinari”.

E pensare che molti politici si ostinino ancora oggi a boicottare l’approvazione del DDL Zan e della Legge contro l’omotransfobia e al tempo stesso ad applaudire determinati personaggi dello spettacolo che affermano che basti un sorriso contro gli insulti omofobi.

Leggi anche >>> Approvazione DDL Zan studente scrive al Presidente Mattarella

Suggerisci una correzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.