L’attore Francois Arnaud: “Sono bisex”

L’attore Francois Arnaud: “Sono bisex”
L’attore Francois Arnaud: “Sono bisex”

Il 23 settembre prossimo sarà il ‘Visibility Day’ ovvero la Giornata mondiale dell’orgoglio bisessuale e l’attore canadese ha deciso di fare coming out attraverso una Stories su Instagram

Canadese, 35 anni dal 2011 al 2013 ha interpretato il personaggio di Cesare Borgia nella serie ‘I Borgia’ scritta da Neil Jordan. “Il silenzio ha l’effetto perverso di perpetuare gli stereotipi, rendere invisibili i bisessuali e portare le persone a dubitare che esistiamo”. Una scelta coraggiosa.

Leggi anche >>> “Venere è un ragazzo” un gioiello LGBT+

La scorsa settimana stavo chiacchierando con amici di lavoro e mentre parlavo di un viaggio che avevo fatto con un’ex ragazza, mi sono chiesto – per la decimillesima volta – come raccontare una storia del genere senza farla sembrare diversa da quella che è tutta la mia storia. Sono sicuro che molti ragazzi bisessuali si sentano allo stesso modo e finiscano per fare quello che ho fatto io: lasciare che le ipotesi di eterosessualità fatte da altre persone non siano corrette. Forse per paura di un’eccessiva condivisione. Con il pretesto della privacy, forse. Probabilmente perché la ‘mascolinità’ è una valuta fragilissima, pronta a buttarsi al primo segno di vulnerabilità o differenza. O forse perché è davvero spaventoso rinunciare ai tuoi privilegi. Senza dubbio perché gli stigmi di indecisione, infedeltà, inganni e tendenze sono ancora legati alla bisessualità. Ma ecco il punto. Il silenzio ha l’effetto perverso di perpetuare quegli stereotipi, rendere invisibili i bisessuali e portare le persone a dubitare che esistiamo. Non c’è da stupirsi che sia ancora un lavoro ingrato riconoscere la bisessualità senza entrare in lunghe spiegazioni. Quindi sì, le etichette sono frustranti e le parole imperfette. Ma mi sono sempre considerato bisessuale. Non confuso. Non sleale.. Non invisibile. E senza vergogna”.

Leggi anche >>> In Francia, bambino di 8 anni: “Voglio essere una bambina”. Il padre: “Era depresso, voleva morire”

Suggerisci una correzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.