Legge contro l’omofobia Il 31 marzo in Aula

Legge contro l’omofobia Il 31 marzo in Aula
Alessandro Zan (Partito Democratico)

Legge contro l’omofobia Il 31 marzo in Aula. Finalmente qualcosa si muove per approvare (Definitivamente) una Legge contro l’omotransfobia in Italia.

Una Legge targata Alessandro Zan (Partito Democratico) che sarà discussa alla Camera dei Deputati il 31 marzo prossimo.

Oggi la conferenza dei gruppi parlamentari alla Camera ha deciso che il prossimo 31 marzo inizierà in aula alla Camera la discussione della legge contro l’omotransfobia. Questo significa che questa maggioranza vuole approvare questa legge, che sarà approvata prima alla Camera e poi andrà al Senato. L’iter in commissione giustizia è già iniziato e dovrà concludersi entro il 31 marzo, giorno in cui arriverà in aula. Questa è una legge importante, nei prossimi giorni servirà il sostegno di tutti voi per rendere questo Paese un po’ più civile”.

Questa Legge, se approvata, andrà a integrare la Legge Mancino che già punisce le forme di violenza e discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi, nazionali e anche sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere.

Alessandro Zan (Classe 1973) dichiaratamente omosessuale entra in politica nel 2011 aderendo ai DS (Democratici di Sinistra) e l’anno dopo è il promotore del Gay Pride Nazionale a Padova. La sua attività in favore dei diritti civili LGBT. Nel 2009 decide di non aderire al PD (Partito Democratico) dopo la decisione di fondersi con La Margherita, diventando così uno dei fondatori di SEL (Sinistra Ecologia e Libertà).

Eletto Deputato per la prima volta nel 2013 nelle liste di SEL, decide l’anno seguente di passare al Gruppo Misto per poi accasarsi definitivamente nel Partito Democratico.

Il sito Gay.it ha recentemente intervistato il Deputato Dem Alessandro Zan, in merito alla sua proposta di Legge. Qui per leggere l’intervista.

Suggerisci una correzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.