Lo Stato messicano di Tlaxcala vieta le terapie riparative

Lo Stato messicano di Tlaxcala vieta le terapie riparative

Ottime notizie dal Messico in fatto di diritti LGBT+

Lo Stato di Tlaxcala è il sesto Stato del Messico a vietare per Legge le terapie di conversione gay sui minori. Una vittoria molto importante per il movimento LGBT+ messicano e internazionale. Non solo, Tlaxcala – secondo equaldex.com – è uno Stato LGBT Friendly, l’omosessualità non è illegale mentre è stato approvato il matrimonio egualitario, inoltre i gay possono fare parte delle forze armate e donare il sangue. E adesso l’abolizione di queste pratiche.

Leggi anche >>> La Spagna: sì alla fecondazione assistita per single, lesbiche e transessuali

Le pratiche riparative hanno lo scopo principale di modificare l’orientamento sessuale da gay, lesbica o bisessuale a eterosessuale, ritenendo l’omosessualità, una malattia che può essere ‘curata’ con determinati procedimenti.

Ovviamente pratiche prive di ogni fondamento scientifico, perché l’omosessualità non è mai stata malattia, anche se purtroppo per molto tempo si è pensato l’opposto. E solo recentemente è stata eliminata dall’elenco delle malattie mentali presso l’Organizzazione Mondiale della Salute (1990) ma nonostante questa decisione scientifica, i gruppi omofobi di destra e gli estremisti religiosi continuano a sostenere e promuovere il loro odio e le pratiche di conversione basate sulle teorie di Joseph Nicolosi – deceduto nel 2017 – psicologo statunitense e promotore di queste pratiche, oltre a essere stato cofondatore della NARTH (The National Association for Research & Therapy of Homosexuality – Associazione Nazionale per la Ricerca e la terapia dell’omosessualità).

Leggi anche >>> Premier League: ‹‹ Sono gay ma ho il terrore che lo scoprano››

In che cosa consistono queste pratiche? Ecco quanto riportato dal sito osservatoriodiritti.it

‹‹ Le tecniche utilizzate sono le più diverse: psicoterapia, somministrazione di farmaci, elettroshock, esorcismo, condizionamenti comportamentali, isolamento, privazione del cibo, abusi verbali e umiliazioni, ipnosi, percosse e altre violenze cosiddette “correttive”, stupro incluso››.

Molti Paesi stanno vietando queste pratiche come la Germani, il Brasile, Taiwan, Malta, Ecuador e in parti di Canada, Spagna, Stati Uniti d’America, Australia e Messico. Mentre in Italia, manca ancora una Legge che ne vieti la pratica. Un ritardo che non può essere più tollerato.

Leggi anche >>> Un liceo di Piacenza con i bagni ‘No gender’

Suggerisci una correzione


In vendita su AMAZON

Ebook a 0.99 euro

Copertina rigida a 19.24 euro

Copertina flessibile a 12.48 euro

Clicca qui per acquistarlo!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.