Real Salt Lake esonerato l’allenatore per omofobia

Real Salt Lake esonerato l’allenatore per omofobia

Nella massima serie calcistica statunitense (Major League Soccer) la squadra del Real Salt Lake ha deciso di esonerare il proprio allenatore Mike Petke per gli insulti omofobi rivolti a un arbitro durante il match con i Tigers.

Il primo provvedimento preso dalla squadra è stato quello di esonerare l’allenatore per due settimane senza stipendio. Mentre la Major League Soccer l’ha sanzionato con una multa da 25mila dollari e una sospensione di 3 partite.

Alla fine però, la società del Real Salt Lake ha deciso per il licenziamento in tronco del suo ex allenatore, affidando la squadra al suo vice Freddy Juarez.

Una decisione applaudita dalle varie associazioni LGBT che si battono per i diritti civili e contro ogni tipo di discriminazione nei confronti dei cittadini LGBT.

La società ha rilasciato un comunicato in cui spiega le ragioni del licenziamento del suo ex allenatore Mike Petke.

“Dopo una serie di riunioni interne e discussioni con i più vari membri della comunità abbiamo preso questa scelta. Come Real Salt Lake abbiamo il privilegio di rappresentare la nostra comunità e i tifosi sia qui localmente che nel mondo. Pretendiamo la massima professionalità dai nostri tecnici e giocatori e come organizzazione è fondamentale che tutti si rispecchino nei nostri valori, trattando tutte le persone con rispetto, civiltà e professionalità. Da sempre lavoriamo per sostenere le diversità per l’accettazione e inclusione di tutti nella nostra società, nel nostro stadio e nella comunità. E’ una questione che prendiamo molto seriamente”.

Comunicato Real Salt Lake

Una scelta di coraggio quella del Real Salt Lake, in uno sport come il calcio professionista ancora con una vena omofoba e razzista. Pochi i calciatori di una massima serie che hanno fatto coming out. Molti gli episodi di omofobia accaduti nel calcio sia da parte dei ‘tifosi’ e anche dalle stesse società.

Precedente Il Lesbians and Gays per i migranti alla British Airways: Stop ai voli di rimpatrio Successivo Famiglia gay in fuga dalla Russia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.