Scuola cattolica perde causa contro insegnante omosessuale

Scuola cattolica perde causa contro insegnante omosessuale

La causa legale tra una scuola paritaria cattolica e un’insegnante omosessuale si è terminata dopo 7 anni di tribunale

Siamo nel 2014, quando una docente trentina si era vista negare il rinnovo del contratto da insegnate presso una scuola cattolica per il suo orientamento sessuale e adesso nel 2021, circa 7 anni dopo, la Cassazione ha messo la parola fine a questa vicenda, respingendo il ricorso presentato dallo stesso Istituto scolastico.

Leggi anche >>> Stati Uniti, studentessa gay accusata di ‘indottrinamento’ perché ha parlato di bullismo omofobo

L’insegnante in questione, dopo il mancato rinnovo del contratto, aveva avviato una causa contro l’Istituto cattolico sospettando che quella mancata conferma fosse dovuta al fatto che era omosessuale. Da quel momento inizia la battaglia legale tra l’insegnante e la scuola cattolica.

Il 7 marzo del 2017 era stata emessa una sentenza – dalla Corte di Appello di Trento – a favore dell’insegnante con un risarcimento di 30mila euro per danni morali e 13.329,00 euro come danno patrimoniale.

Adesso la sezione Lavoro della Suprema Corte ha respinto il ricorso presentato dall’Istituto cattolico e come reso noto dal legale della docente, l’avvocato Alexander Schuster: ‹‹ la sezione lavoro ha ritenuto che la libertà d’insegnamento di un ente religioso non costituisca carta bianca per discriminare apertamente le persone››.

Leggi anche >>> Aggressione omofoba a Ferrara: ‹‹ Conoscete Benito Mussolini? Sapete che lui vi brucerebbe tutti?››

Foto di Eduardo RS da Pixabay

Suggerisci una correzione


In vendita su AMAZON

Ebook a 0.99 euro

Copertina rigida a 19.24 euro

Copertina flessibile a 12.48 euro

Clicca qui per acquistarlo!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy.