Petizione. Italia ritira il patrocinio al Congresso Mondiale delle Famiglie

A: Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio italiano, Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto e Manuel Scalzotto, Presidente della Provincia di Verona

Il Congresso mondiale delle famiglie è uno dei più potenti gruppi contro l’autonomia riproduttiva delle donne e i diritti delle persone LGBT+ del mondo. E’ stato persino definito “gruppo d’odio” dalle maggiori associazioni che si battono per i diritti umani.

Quest’anno, il loro incontro annuale si svolgerà a Verona con il patrocinio del Ministero della Famiglia e della Disabilità, della Regione Veneto e della Provincia di Verona.

Vi chiediamo di non sostenere questo evento e di ritirare tutti i patrocini al Congresso mondiale delle famiglie.

Uno dei più potenti gruppi contro l’autonomia riproduttiva delle donne e i diritti delle persone LGBT+ del mondo si sta preparando per il suo incontro annuale in Italia. Ma non finisce qui! Hanno anche ricevuto il patrocinio del Ministero della Famiglia e della Disabilità, della Regione Veneto e della Provincia di Verona.

Dai un’occhiata qui ad alcuni dei relatori che parteciperanno alla conferenza.

Non possiamo lasciare che ciò accada. Unisciti a noi e chiedi al governo italiano, alla Regione Veneto e alla Provincia di Verona di ritirare il loro patrocinio al Congresso mondiale delle famiglie.

Questa campagna è stata condotta in collaborazione con AgedoArciArcigayAssociazione Luca Coscioni‎, Associazione Radicale Certi DirittiChiesa Pastafariana ItalianaCircolo di Cultura Omosessuale Mario MieliCoordinamento Torino PrideDifferenza DonnaEdgeFamiglie Arcobaleno – Associazione genitori omosessualiGayNET,I sentinelli di Milano,IPPFENRadio Siani, Rebel NetworkRete Lenford – Avvocatura per i diritti LGBTIUaar e Ufficio Nuovi Diritti CGIL Nazionale.

Firma pure tu la petizione!

Precedente Pedofilia Vaticana 6 anni al Cardinale George Pell Successivo Donald Trump rifiuta i soldati transgender

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.